Trattoria "La Tagliola"

Dove siamo

Bagnoli - Arcidosso (GR)  Tel.  0564/967351-966360

[ Home page - Cosa si mangia- La cantina - Il locale  ]  

Comune di Arcidosso

  

 

 Nei dintorni:                                                                                   

   

 Siena città  del Palio a 60 km.                
Il Monte Amiata con le sue piste da sci a 10 km.   
Piancastagnaio borgo medioevale e la Rocca Aldobrandesca a  20 km.
Sovana culla di Ildebrando e città Etrusca a 50 km.       
 Pienza citta di Pio II con le sue opere d’arte a 60 km
Saturnia e le sue terme a 40 km.
Abbadia San Salvatore con la celebre Abbazia dei  Longobardi a 25 km.

 

 

 Viterbo  85 km. Roma  180 km. Firenze  140 km. Perugia  90  km. Grosseto 60 km. Siena a 60 km. 

Arcidosso è un piccolo comune della provincia di Grosseto ed è sito sul versante occidentale del Monte Amiata (1734 metri slm), a 661 metri d'altitudine. Gli arcidossini, che ne sono gli abitanti, contano circa 2500 abitanti nel paese per un totale di 4500 circa nell’intero territorio comunale.

Citato per la prima volta nell'860 tra i possedimenti dell'Abbazia di S. Salvatore ha come caratteristica principale la rocca Aldobrandesca (XII - XIV secolo) che si innalza al centro del colle del paese vecchio dalla cui torre di 28 metri domina un’ampia zona panoramica sulla valle circostante. Ma la vera forza dell’antico borgo medievale sono le chiese come quella di San Leonardo del XII sec., ampliata e risistemata intorno al XIV/XVI secolo, e Sant'Andrea citata già in documenti risalenti il 1200.

C’è poi la chiesa cinquecentesca della Madonna Delle Grazie e quella della Pieve di Santa Maria in Lamula (in architettura romanica ) del XIII secolo forse la più caratteristica e peculiare visti gli elementi decorativi al suo interno e non ultima la leggenda che la circonda. Arcidosso è anche una stazione termale (acque ferruginose) e di villeggiatura. Nel territorio castagneti, vigneti, oliveti e pascoli, tutto all’insegna del buon vivere e mangiare e bere e respirare.

Da qui, ed esattamente dal Monte Labbro prese origine anche il movimento mistico di Davide Lazzaretti, detto il Profeta dell'Amiata, che già attorno alla fine dell’800 andava predicando una dottrina molto simile a quella cristiana con insegnamenti del tutto attuali formando quindi una comunità socio-religiosa . Oltre al capoluogo sono da ricordare le frazioni di Bagnoli, Le Macchie, Montelaterone, Salaiola, San Lorenzo, Stribugliano e Zancona.

Sempre nel comune di Arcidosso, in prossimità del Monte Labbro, è situato il Parco Faunistico del Monte Amiata (gestito dalla Comunità montana), che consente di osservare le specie di fauna autoctona della zona, presenti in condizioni di semi libertà.